venerdì 16 settembre 2016

In ricordo di un grande italiano


E' morto il presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
Gli ero affezionato.
Mi piace ricordarlo rendendo pubblico questo scambio di lettere del 2011.

---

From: Guido Fraietta
To: Carlo Azeglio Ciampi
Roma, 16 Marzo 2011

Semplicemente grazie
Stimatissimo Presidente Ciampi, ho deciso di scriverLe dopo aver letto l'intervista da Lei concessa ad Arrigo Levi, pubblicata nel libro "Da Livorno al Quirinale - Storia di un Italiano".
Le scrivo come Suo connazionale, da semplice italiano, romano, ingegnere, 34enne, per ringraziarLa, perchè la Sua vita testimonia una integrità di valori e una fedeltà alle Istituzioni che inorgoglisce e rassicura.
Le scrivo come Suo connazionale, ma mi permetta di chiamarla anche Amico, sebbene non ci conosciamo, perchè non posso fare a meno di considerarLa tale dopo aver letto le Sue esperienze, le emozioni che Lei ha vissuto nelle diverse situazioni che ha affrontato con coraggio e impegno, e soprattutto in considerazione di ciò che Lei ha fatto per il nostro amato Paese, prima da Governatore della Banca d'Italia, e successivamente come esponente politico, arrivando a rappresentare tutti noi con passione, sentimento e intelligenza quale Presidente della Repubblica.
Lei, Presidente Ciampi, è stato ed è un vero Amico di tutti gli Italiani, semplicemente perchè ha agito sempre nell'interesse della Nazione.
Le scrivo infine, anche, come Suo modesto "collega" in quanto da alcuni mesi sono impiegato in Banca d'Italia, quale giovane ingegnere nell'area informatica dell'Istituto, e nondimeno per questo aspetto, Le esprimo viva gratitudine per le parole che Lei, nel libro, ha voluto spendere sulla Banca, nella quale mi onoro di prestare servizio, parole che, sono sicuro, mi accompagneranno e mi guideranno lungo la mia carriera professionale.
Colgo anche l'occasione della imminente festa per il 150° anniversario dell'unità d'Italia, per farLe gli auguri, perchè questa è anche la Sua festa, in quanto molto l'Italia unita deve a Lei, alla Sua azione efficace per l'adozione dell'Euro, alla Sua politica in materia economica come Ministro, alla Sua difesa dei valori di Patria e di solidarietà come Presidente.
La Sua testimonianza, caro Presidente Ciampi, è un esempio di come i valori dell'impegno, della serietà, dell'onesta e della fedeltà ai propri principi possano consentire di mantenere la propria umanità in ogni situazione.
L'Italia, ora più che mai, ha bisogno di testimoni come Lei.
Con rinnovata stima e affetto,
Guido Fraietta

---

From: Domenico Marchetta
To: Guido Fraietta
Roma, 29 Marzo 2011

Risposta lettera presidente Ciampi
Gentile Ing. Fraietta,
il Presidente Ciampi mi incarica di ringraziarLa per le cortesi espressioni di stima e di apprezzamento che ha voluto indirizzargli traendo spunto dalla lettura del libro-intervista dello stesso presidente "Da Livorno al Quirinale. Storia di un Italiano".
La ringrazia altresì per gli auguri che ha voluto formulargli in occasione della ricorrenza dei 150 anni dell'Unità d'Italia, auguri che il presidente ricambia volentieri e che estende a tutti gli italiani che, come Lei, condividono i valori di coesione e di unità nazionale connessi alla celebrazione del 17 marzo scorso.
Avendo appreso dalla Sua lettera che Lei è anche dipendente della Banca d'Italia in qualità di ingegnere dell'area informatica, Le formula i migliori auguri per la sua carriera lavorativa.
Colgo l'occasione per inviarLe, anche da parte mia, i più cordiali saluti ed auguri per la Sua attività. 
(dott. Domenico Marchetta, Capo dell'Ufficio del Presidente Emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi)

Post più popolari