domenica 28 febbraio 2016

Meditazioni per la Via Crucis - IX Stazione: Gesù cade per la terza volta

Gesù cade per la terza volta

Per la quaresima, condivido con voi alcune meditazioni sparse scritte da me su alcune stazioni della Via Crucis... 

 IX Stazione: Gesù cade per la terza volta

Rivado con la memoria ad un pranzo in cui erano ospiti dei senzatetto, organizzato in una parrocchia romana. Seduta accanto a me a tavola, un’anziana signora, inizialmente diffidente, che poi ha iniziato a raccontarmi la sua vita. Una vita fatta di cadute: il lasciare la famiglia d’origine in Sardegna per venire a cercare fortuna a Roma, l’abbandono degli studi per mancanza di soldi, la ricerca di lavori saltuari, le difficoltà di salute, fino al perdere progressivamente tutto e al vivere per strada. Alla fine del pasto, la vecchina mi ha fatto un sorriso in cui mancavano tanti denti e mi ha detto: “Ti ringrazio perchè, sai, … io ho bisogno di qualcuno con cui parlare”. Questo mi ha colpito molto. A Roma una anziana signora non ha troppi problemi a rimediare un panino o un piatto di minestra calda, ma quanto è più difficile trovare qualcuno con cui parlare, qualcuno disposto a sprecare un po’ del suo prezioso tempo per ascoltare cosa ha da dire un senzatetto!


Eppure, nel contemplare la caduta di Cristo sotto il peso della Croce, dobbiamo cercare di scorgere le piccole e grandi cadute di ogni uomo. Sì, perché noi crediamo in un Dio che ha voluto lasciare vuoto il trono che gli spettava, per andare a cadere nel fango e nella polvere. Crediamo in un Dio che ha voluto abbandonare il tempio, unico luogo di culto per il suo popolo, per andare sulla via della Croce, luogo in assoluto più infamante per la sua società. Per questo avviciniamoci senza paura, avviciniamoci senza paura all’umanità caduta, ai poveri, agli ultimi, e lì troveremo sempre il Cristo caduto sotto la Croce, pronto ad attenderci e a sorriderci riempiendoci del suo amore infinito. 

sabato 27 febbraio 2016

Il canale Telegram della Civetta Parlante

Da oggi c'è un nuovo modo per rimanere in contatto con la Civetta Parlante.
Spesso infatti non c'è il tempo per scrivere un vero e proprio post, ma si condividono pensieri estemporanei e più brevi.
Per questi pensieri ho usato quasi sempre Facebook, ma in questo modo essi si disperdono nel mare magnum di pensieri altrui, pubblicità e giochini vari di cui quel social network è inondato. 
Ora, grazie alla piattaforma Telegram, ci sarà un nuovo canale dove questi pensieri saranno raccolti e visibili in maniera ordinata per chiunque voglia seguirli.
Cosa è Telegram? 
Risposta breve: è un software di comunicazione (scambio messaggi, foto, video, audiochat) per telefono, come WhatsApp, ma molto meglio! 
Risposta lunga: leggete qui.
Di seguito trovate il link al canale Telegram della Civetta Parlante. Vi aspetto lì per condividere non solo post lunghi, ma anche pensieri brevi!
A presto.


Post più popolari