mercoledì 21 marzo 2007

Trans...iti indecenti. O no?


E' di questi giorni la pubblicazione della foto che ritrae Sircana in una strada mentre si avvicina ad un trans. Sircana, proprio lui, portavoce di Prodi e figura di rilievo della politica nazionale, persona su cui il presidente del consiglio ha puntato tutto nel cercare di arginare la rissosità dei suoi alleati eleggendolo come unica entità istituzionale che ha titolo per parlare a nome del governo sui temi in cui la maggioranza è divisa (praticamente tutti).

In un paese normale, questa sarebbe una non-notizia. In un parlamento dove una percentuale altissima degli "onorevoli" sono disonorati da condanne e rinvii a giudizio, in un paese civile dove ormai sempre più imprenditori dichiarano apertamente che si può non pagare le tasse per leggittima difesa (???) contro uno stato troppo esoso, e solo il 2 per cento dei contribuenti dichiara più di 100.000 euro di reddito, in questo paese, in cui la moralità è diventata un non-valore, tutti si stupiscono, anzi si indignano se un politico va a trans?
E allora? Che male c'è?
E' un reato? NO.
BASTA! Se non è un reato, basta! Basta coi puritanismi che coprono sempre pregiudizi e mali ben maggiori. Basta con la finta moralità di chi difende la famiglia avendo alle spalle tre matrimoni falliti e andando a puttane tutte le sere. Basta con chi si scandalizza senza vergognarsi neanche un po' delle sue "acrobazie" finanziarie. Ribelliamoci, andiamo a trans, facciamo i DICO, la legge sull'eutanasia, facciamo TUTTO ciò che non è reato e mandiamo in galera a vita chi non paga le tasse piuttosto!
E a Sircana vorrei dire solo una cosa... la prossima volta fallo salire in macchina che non c'è niente di male!

venerdì 16 marzo 2007

Non per gufare il papa attuale ma...


Sono d'accordissimo

Una lettrice (almeno penso sia una e non un, visto che si firma Cicia) ha commentato in modo secondo me esemplare e quindi inserisco il suo commento come post a se stante per dare maggiore visibilità, visto che i commenti sono poco visibili normalmente... Grazie Cicia!

"Credo che la chiesa italiana debba dire cose che la gente capisce, non tanto come un comando ricevuto dall'alto, al quale bisogna obbedire perché si è comandati. Ma cose che si capiscono perché hanno una ragione, un senso. Prego molto per questo" Preghiamo tutti perchè questo auspicio del Cardinale Martini si avveri. Da un Papa che intende coniugare ragione e fede voler imporre condotte vincolanti a credenti poco convinti è un controsenso lacerante per i credenti e incomprensibile per i non credenti.Preghiamo perchè l'universalità della Chiesa non si riduca ad intervenire nelle risse politiche nazionali.

martedì 13 marzo 2007

Chiamiamole crisi monomaniacali senili

Ormai non sono più ingerenze. Vista la frequenza pressochè quotidiana, visto il tono degli appelli, vista l'età media dei protagonisti, chiamiamole piuttosto crisi monomaniacali senili. Con tutti gli argomenti davvero urgenti di cui occuparsi, i vertici della chiesa sono ormai avvitati su stessi quotidianamente in una serie di sproloqui che non hanno più nessun contatto con la vita della gente, le sofferenze, le angosce, i bisogni profondi cui, invece, il messaggio di Cristo potrebbe rispondere se non fosse soffocato da questi deliri.
L'aggiornamento di oggi, dal sito di Repubblica ma citando testualmente:

Mi auguro - ha detto ancora Scola - che i laici cattolici si impegnino in politica: un vescovo non può non auspicare tale impegno.
Stia attento cardinale, a volte ciò che ci si augura può diventare realtà, e forse sta per giungere il tempo per un partito cristiano antivaticano...

Benedetto XVI intende rilanciare latino e gregoriano nelle liturgie cattoliche. E ne consiglia l'uso nelle grandi celebrazioni che avvengono in occasione dei raduni internazionali: "E' bene - scrive nella sua prima Esortazione Apostolica - che tali celebrazioni siano in lingua latina; così pure siano recitate in latino le preghiere più note della tradizione della Chiesa ed eventualmente eseguiti brani in canto gregoriano". E i futuri sacerdoti "fin dal tempo del seminario" siano preparati a celebrare in latino, "nonché ad utilizzare testi latini e a eseguire il canto gregoriano".
Colgo al volo l'esortazione del Papa, dicendo:
Cogito papam saepe melium facere tacere

domenica 11 marzo 2007

Sui DiCo

E' incredibile la polemica che sta crescendo sui DiCo... E' incredibile l'atteggiamento di alcuni politici della maggioranza (Mastella - Rutelli - Binetti e altri) su questo tema. Un tema che era all'ordine del giorno nel programma dell'Unione, e che la Bindi e la Pollastrini hanno ben mediato. Ma la domanda più angosciante è la seguente: i politici non dovrebbero essere al servizio delle persone? Se una minoranza chiede una legge, i politici dovrebbero farsi una unica domanda nel decidere se realizzare la rischiesta delle persone: a chi fa male? Se non fa male a nessuno, come è ovvio che sia visto che si tratta solamente di riconoscere alcuni diritti veramente basilari a delle persone, che caz... vogliono questi?
Io veramente non ci capisco più nulla, ma penso che ci è contro i DiCo, provocando sofferenza a tante persone, lanciando ogni giorno condanne proprio contro quelle categorie di persone, i più deboli, verso cui Cristo ha teso la mano, non può dirsi cristiano, fosse anche Vescovo o Papa.

lunedì 5 marzo 2007

Il nuovo Eminems sarà peggio del vecchio?

Si accettano scommesse: il nuovo Eminems, che sostituirà il cardinale sparasaggezze, sarà peggio del vecchio? Ancora più invadente, ancora più schiacciasassi e incurante della realtà delle persone... Pare proprio di si, leggete la sua prima intervista in pectore:


Non ne possiamo più: vorrei riallacciarmi ad un altro blogger che si dichiara cattolico come sono io, un blogger come se ne stanno moltiplicando in questi ultimi tempi, trovato per caso dalla rete:

Molti cattolici italiani sono stanchi e desiderano far sapere che non si riconoscono in Ruini e Ratzinger .
Siamo stanchi dei Dotti del Sinedrio e dei Farisei che inquinano la Chiesa da 2000 anni! Essi fanno + danno alla Chiesa di tutti PACS di questo mondo
Questa Chiesa non ha MISERICORDIA come ha dimostrato nel caso Welby,noi vogliamo la Chiesa del Grembiule che Don Tonino Bello offriva senza nulla pretendere in cambio.Una Chiesa che ancora oggi tanti uomini di buona volontà offrono perchè il Vangelo è una buona notizia offerta,non un'imposizione violenta.
Perchè Ruini ed il Papa non parlano delle guerre che fanno milioni di morti ogni anno?Perchè non parlano del mattatoio che gli Usa hanno creato in Iraq?Perchè non parlano dei milioni di morti x malattie in Africa xchè la gente non ha accesso ai farmaci ed il mondo occidentale se ne frega?Perchè non parlano dei milioni e milioni di morti x fame e sete ogni anno?Perchè non parlano di un mondo dove il consumismo ed il capitalismo hanno creato come unici valori il profitto ,il successo,il possesso e che questo scardina la famiglia molto + dei PACS?Perchè non parlano della distruzione della Creazione che si riflette nel clima e che mi sembra un peccato mica da ridere?
Perchè non parlano della tv o dei media che inquinano la personalità dei giovani con programmi beceri ed idioti?Considerare le donne degli oggetti (anche gli uomini come oggetto) è utile alla famiglia?Mi si dirà ,ma ne hanno parlato.....Sì ,rispondo con tale forza e convinzione che non se ne ricorda nessuno!Mentre tutti ricordano Giovanni Paolo II che si schierò con ardore contro la guerra in Iraq inimicandosi gli USA.
Credo che sia ora che i cristiani che non si riconoscono nelle alte sfere vaticane facciano sentire forte la loro voce , xchè questi signori non mi sembra che agiscano x ispirazione dello Spirito Santo.......

Se volete leggere il suo intervento completo cliccate qui:

Post più popolari